/ busket

Busket e i Mastri Fornai: pane per tutti, tutti per il pane

Valori condivisi del progetto (passione per il pane e sostenibilità), esperienza alla guida e agilità di esecuzione sono stati i principi base attorno ai quali si è costituito il team.

La struttura organizzativa si articola a due livelli di ruoli e competenze:

  1. Un CdA e un management accomunato da solide esperienze in 4 aree cruciali per lo sviluppo dell’azienda: Finanza (Filippo Simioni), Marketing & Branding (Fabrizio Ferrero), Retail e Distribuzione (Carlo Basile), Logistica&delivery (Federico Bonazzi).
  2. Un team operativo più giovane che rendesse il processo di sviluppo agile e indipendente dall’ausilio di strutture esterne: marketing operativo, digital pr e social media (Greta Fanti), programmazione e IT (Guglielmo Camussi), grafica e comunicazione visiva (Giorgia Cicianesi) sono svolte internamente.

Schermata-2021-06-03-alle-15.27.21

Fabrizio Ferrero

Founder e Ceo
Laureato in economia e marketing (L.Bocconi). Ha maturato 25 anni di esperienza nel brand e retail marketing con il ruolo di Direttore Creativo in agenzie di advertising internazionali quali Leo Burnett, Y&R, Altavia. Ha lavorato per brand del mass market (Danone, Barilla, Ferrero, Coca-Cola company, Heineken), dell'intrattenimento (Sky) e nel settore retail (Autogrill, Blockbuster, Carrefour, Fineco Bank, Systema Bank). In Busket segue direttamente tutte le attivita' di R&S relative al prodotto e al sistema di offerta, nonche' l'attivita' di branding e mkt communication.

Greta Fanti

Marketing Operativo e CRM
Arriva da una luccicante esperienza di marketing, ufficio stampa e gestione di eventi nel marketing della gioielleria. In Busket è responsabile del MKT operativo e CRM, segue le campagne di comunicazione sia sul fronte delle Digital Pr (influencers, City stakeholders, PPAA) che su quello, piu' importante, del performance marketing con finalita' di lead generation e customer acquisition sia on line che off line.

Guglielmo Camussi

IT
Molto più che nativo digitale, ha imparato a scrivere codice prima di dire mamma. E’ responsabile della programmazione Front-end & Back-end della piattaforma e dello sviluppo del "Busket engine", il motore che gestisce tutta l'infrastruttura logistica di Busket in continua evoluzione e miglioramento. Oltre della programmazio- ne si occupa dell'implementazione di feature custom all'interno della piattaforma.

Federico Bonazzi

Chief Operation Officer
È stato Operation Manager di Share'ngo, il primo servizio di car sharing elettrico italiano nelle citta' di Milano, Firenze e Roma con responsabilità di tutti i servizi di logistica compreso lo sviluppo delle piattaforme di supporto in back end. Ha alternato esperienze di Project e/o Operation Management nel settore della tutela ambientale. In Busket e' responsabile dell'intero processo OTD, dello sviluppo e la messa a regime delle
componenti sw di instradamento e gestione delle consegne della piattaforma con l'obiettivo di raggiungere i più alti livelli di efficientamento.

Carlo Basile

Membro CdA
Know how di 25 anni nel Fast Moving Consumer Goods e nel Retail con esperienze professionali in 2 grandi gruppi multinazionali alimentari e distributivi, leader nei loro settori di attivita' (Nestle' e Carrefour di cui e' stato Direttore MKTG). La sua esperienza nel settore alimentare e retail garantisce a Busket un solidissimo riferimento per interpretare il mercato e le dinamiche competitive.

Giorgia Cicianesi

Graphic & Web Designer
Da più di 15 anni disegna linee curve e colori nel settore healthy food and beverage, poi è esploso l’amore per Busket e la sua passione per il pane ha trovato finalmente sfogo. È responsabile della realizzazione della comunicazione on line e off line e dell’identità visiva del brand.

Filippo Simioni

Cfo & Membro CdA
Ha lavorato nella tesoreria di Montedison, operato sui mercati finanziari per Olivetti e JPMorgan, ed e' stato Direttore Finanza di Barilla. E' stato successivamente CFO e consigliere di amministrazione di aziende tecnologiche e dei servizi. Si occuperà degli aspetti amministrativi e finanziari della gestione, oltre che degli affari legali e societari.

Perché Busket è un’opportunità per un fornaio?

Negli ultimi anni l’offerta di pane è stata guidata principalmente dalla forza della grande distribuzione, tesa da un lato a razionalizzare e standardizzare i costi di produzione (farine migliorative ad alto rendimento e di origine lontanissima, lievitazione forzata, precotture etc etc.), dall’altro a entrare sempre più nei centri città sottraendo domanda ai fornai tradizionali.

Alcuni di questi hanno chiuso, altri hanno seguito gli stessi principi produttivi (a parte le eccezioni che esistono in ogni fenomeno) e cercato il necessario guadagno diversificando su pizze, focacce e dolci.
Ma oggi sempre più consumatori, tipicamente cittadini con maggiore potere di scelta e spesa, stanno dando sempre più valore a un’alimentazione di qualità, sempre maggiore attenzione alla genuinità, artigianalità e sostenibilità economica e ambientale degli alimenti. E il pane, non fa eccezione. La domanda di pane artigianale, di farine di grani antichi poco raffinate e ricche di fibre, genuino e lievitato naturalmente è in crescita.
Nasce quindi una nuova opportunità per molti fornai urbani. Una domanda di pane artigianale di prossimità che sarebbero in grado di soddisfare se provvisti di strumenti e mezzi adeguati per competere nel quartiere:

  • la ricerca e selezione di farine e materie prime di grande qualità,
  • un disciplinare di produzione
  • la visibilità e promozione del proprio forno sui media digitali
  • un marketing che individua i bisogni della domanda
  • una piattaforma che raccoglie ordini
  • un servizio di home delivery efficiente

Busket offre loro tutto questo a fronte della produzione di pane e altri panificati di alta qualità. Il forno viene remunerato per la lavorazione artigianale e non sostiene alcun costo: materie prime, promozione e comunicazione digitale, marketing, logistica sono costi sostenuti da
Busket.
Il fornaio aumenta notorietà, il traffico in negozio cresce insieme alla vendita di altri suoi prodotti non in concorrenza con quelli della gamma Busket.
Schermata-2021-06-03-alle-15.27.31
Christian Villani è il mastro fornaio del primo quartiere che Busket ha attivato. Fornaio figlio di fornai, lavora farine e impasti con passione lievito madre. Saggia la qualità di una farina annusandola e palpandola tra le dita. Ascolta il suono della crosta di una pagnotta con l’orecchio assoluto di un musicista. Come lui ce ne sono altri nei quartieri delle nostre città che Busket sta selezionando e affiliando per valorizzare la loro arte mettendogli a disposizione le materie prime, la visibilità e gli strumenti per tornare a essere in ogni quartiere, oggi come una volta, il riferimento per il pane buono.

Il processo di selezione e affiliazione

Per ogni quartiere che possiede le caratteristiche adatte (densità abitativa, centralità/semi centralità, target 30.000/40.000
abitanti) esistono mediamente 30 forni e panifici (1 panificio ogni 1.000 abitanti).
Esiste una prima scrematura in base alle dimensioni necessarie del laboratorio (30mt) e della capacità produttiva (100/150
kg di pane). Successivamente si mette alla prova la capacità di eseguire il disciplinare integrandola alla linea di normale

produzione del forno (15gg), e l’ultima fase prevede una breve formazione sulle operazioni della piattaforma che lo coinvolgo-
no (ricezione degli ordini, insacchettamento e etichettatura progressiva indirizzi di consegna).

Dopo un paio di mesi di attività conoscenza e curiosità per Busket si stanno diffondendo tra i fornai e stiamo iniziando a
ricevere direttamente domande di informazioni sulle modalità di affiliazione.
Oggi stiamo selezionando 3 nuovi fornai per l’attivazione di 3 nuove zone/quartieri di Milano previsti per l’estate.

SCOPRI LA CAMPAGNA DI BUSKET