/ HiNelson

Dalla Silicon Valley alla startup della nautica: Giovanni Gardelli di HiNelson

La campagna di HiNelson ha quasi raggiunto l'obiettivo minimo e prosegue. Con più di 200 produttori e 14.000 referenze online, HiNelson è "l'uomo in più a bordo" di oltre 5.000 diportisti Italiani, grazie anche a un team d'eccezione.

Giovanni Gardelli è Business Advisor e Board member di HiNelson, ma questo ruolo è solo l'ultimo di una carriera ricca e importante.

Dopo la laurea in Bocconi e un master in Cina, Giovanni ha accumulato esperienza in giro per il mondo, sempre ad alti livelli, e in particolare in California: le sue esperienze lavorative passano da anni come manager presso Yahoo, a Snapchat, a Verizon Media (come Senior Director, Ad Targeting Products), mentre rivestiva il ruolo di advisor, investor e mentor per varie startup; ormai è di casa nella Silicon Valley.

HiNelson però è un progetto che ricopre un ruolo speciale per Giovanni.

Parlaci del tuo rapporto con il mondo della nautica.

"Pur essendo figlio d'arte (mio padre è un velista sfegatato), sono ahimé la pecora nera della famiglia - sono l'unico senza patente nautica!
Da adolescente sono cresciuto andando in barca di tanto in tanto con la mia famiglia durante qualche weekend estivo, ma essendomi trasferito all'estero quasi dieci anni fa, purtroppo ho perso contatto con il mondo della nautica.
Detto questo, ricordo ancora quanto sia sempre stato difficile per mio padre prendersi cura della barca, e trovare tutti i prodotti necessari nel negozio a fianco al porto".

Cosa ti ha convinto ad entrare a far parte di HiNelson?

"Sono convinto che il trend dello shopping online diventi sempre più importante, e che un numero maggiore di transazioni continuerà a spostarsi da negozi fisici all'online nei prossimi anni. Il mondo della nautica è sicuramente rimasto indietro per tante ragioni diverse, ma penso che anche per questa nicchia, sia i produttori che i consumatori stiano finalmente scoprendo i nuovi canali digitali.
Mi sono appassionato al progetto di Marcello con HiNelson e ho visto in lui tanti dei fattori comuni tra gli imprenditori di successo che ho conosciuto.. e non ho saputo resistere all'opportunità!"

La tua esperienza in Silicon Valley come ha aiutato lo sviluppo di HiNelson?

"In generale l'America è qualche anno avanti rispetto all'Europa (e in particolare all'Italia) sul lato e-commerce. Per un imprenditore, avere a disposizione un mercato di oltre 300 milioni di persone che parlano la stessa lingua, utilizzano la stessa moneta e hanno la stessa cultura è un vantaggio non da poco. Vivere e lavorare in Silicon Valley mi è stato sicuramente d'aiuto per individuare trend e opportunità che stanno avendo successo qui in America, e investire in realtà simili sul mercato italiano".

Quali somiglianze vedi tra HiNelson e le startup della Silicon Valley?

"Il focus estremo sull'esperienza del consumatore come vantaggio competitivo, e allo stesso tempo l'ambizione e lungimiranza di Marcello nell'impostare HiNelson come un progetto che mira a crescere al di là dei confini nazionali sono sicuramente due caratteristiche non comuni tra gli imprenditori italiani, ma che, per mia esperienza personale, risultano spesso essere chiave per il successo di una startup".

Perché investire in HiNelson oggi?

"HiNelson in pochi mesi dalla sua incubazione ha già raggiunto milestone di crescita e fatturato importanti, ma guardando alle opportunità future e al mercato di cui fa parte, siamo solo agli albori! Penso che sia una realtà molto interessante, con un incredibile potenziale di crescita e innovazione!"


VAI ALLA CAMPAGNA DI HINELSON!