/ news

Dimmi come investi e ti dirò chi sei - I risultati del questionario per gli investitori di 200Crowd

Durante il mese di febbraio abbiamo proposto agli investitori della community di 200Crowd un questionario da compilare.

Lo scopo era quello di capire la storia dei nostri investitori e il loro percorso all'interno della nostra piattaforma: come l'hanno scoperta, perché continuano a investire su 200Crowd e quali sono le metriche che valutano prima di effettuare un investimento.

I risultati di questa survey ci aiuteranno a migliorare l'esperienza d'investimento su 200Crowd e ci avvicineranno ulteriormente alle esigenze dei nostri investitori, che ringraziamo per aver preso parte a questa iniziativa.

Ecco quindi alcuni dei dati.

Abbiamo iniziato chiedendo dei dati anagrafici (in forma anonima) per cercare di ricostruire il profilo dell'Investitore di 200Crowd.

image_-1-
Sesso
Professione_-1-

Chi è quindi l'investitore medio di 200Crowd?

Ha tra i 40 e 60 anni, è maschio (purtroppo l'incidenza di investitori donna è ancora bassa, ma bisogna invertire questo trend) e lavora come dipendente.

Vediamo ora le ragioni per cui questo "investitore tipo" ha deciso di investire su 200Crowd.

img4

Circa il 42% degli investitori ha deciso di investire, e più di una volta, per via della qualità e della varietà delle campagne proposte su 200Crowd, mentre il 36,1%, confermando l'alta preprazione sugli investimenti in equity crowdfunding, lo fa in una logica di diversificazione.

Investire in startup significa infatti investire in economia reale, in aziende che hanno un elevato potenziale di crescita, e significa entrare in contatto con un mercato sì d’avanguardia, ma anche sicuro e regolamentato: l’Italia è stato il primo Paese europeo a dotarsi di una regolamentazione ad hoc, volta a tutelare il mercato. Attraverso l’equity crowdfunding è possibile diventare soci di startup anche con cifre relativamente basse, a partire da 500€, permettendo sempre a più persone di crearsi un portfolio di investimenti diversificato e che copre aziende in più settori.

Il restante si divide tra chi è interessato alle campagne in cui ha investito, chi per la facilità di utilizzo della piattaforma e chi per la possibilità di detrarre il proprio investimento.

img5

Come si comporta un investitore nel momento in cui scopre o gli viene presentata una nuova campagna?
Una significativa maggioranza dell'83,3%, scarica l'Investor Kit e si prende qualche giorno per analizzare il materiale.
Grazie all'Investor Kit, infatti, l'investitore è in possesso di tutta la documentazione necessaria per effettuare un investimento consapevole dei rischi e dei vantaggi, e sarà informato sulle informazioni dell'azienda e della campagna di equity crowdfunding in cui sta andando a investire.
I documenti presenti sono:

  • l'Atto Costitutivo;
  • il Business Plan;
  • il Pitch;
  • lo Statuto;
  • la Visura aggiornata;
  • l'Ultimo Bilancio (se presente);
  • Bilancio Previsionale;
  • il Verbale dell'Aumento di Capitale;
  • eventuali Patti Parasociali;
  • i CV dei membri del team.

Molto bassa la percentuale di persone che investe di pancia(3,7%) appena esce una nuova campagna e di chi invece, all'opposto ma con la stessa percentuale del 3,7%, aspetta che la campagna abbia raggiunto l'obiettivo minimo e sia in overfunding.
Il 7,6% in aggiunta all'analisi dei documenti valuta anche la propria conoscenza del settore, le opinioni degli altri investitori e il prodotto/servizio offerto.

img6

Una volta analizzato l'Investor Kit, aver contattato i founder e analizzato le possibili variabili, cos'altro fa il nostro investitore prima di effettuare una sottoscrizione?

Circa il 52% effettua ricerche personali sull'azienda, mentre quasi il 26% legge le mail informative che riceve grazie all'iscrizione su 200Crowd, una mail di recap settimanale il venerdì e la nostra newsletter il mercoledì (iscriviti inserendo la tua mail nel form in fondo alla pagina).

Il 14,8% contatta direttamente i founder mentre il restante 7,6%, oltre alle azioni già citate, si affida alle informazioni presentate sul nostro gruppo Telegram.

Quali sono gli elementi che vengono valutati maggiormente prima di investire in una campagna?

img7_1

Sicuramente la crescita del mercato in cui opera l'azienda è l'elemento che l'investitore considera maggiormente, insieme all'esperienza del team dell'azienda nel settore di riferimento, e con un occhio, certamente, al fatturato.
Un po' meno considerati il market share dell'azienda, mentre interessa sapere se c'è stato o meno un round precedente di successo e se sono presenti investitori qualificati nel round (come Incubatori, Business Angels o VC), ovvero i nostri Lead Investor. Meno rilevanti, ma comunque prese in considerazione eventuali collaborazioni con università, pubblica amministrazione o altri enti istituzionali.

Questi e altri dati ci aiuteranno a migliorare l'esperienza di investimento su 200Crowd per permettere a sempre più investitori di unirsi alla nostra Community e a chi ne fa già parte di continuare a investire insieme a noi!

SCOPRI 200CROWD!