/ Startup Stories

Dishcovery ad Identità Golose: il primo hub internazionale della gastronomia

L'azienda modenese guidata da Giuliano Vita e Marco Simonini come già tutti voi sapete vanta partnership con nomi noti come Autogril, Motta, Alipay a cui si è aggiunto il primo Hub Internazionale della Gastronomia: Identità Golose.

Dopo aver concluso su 200Crowd.com una campagna di equity crowdfunding che ha coinvolto 59 investitori, tra cui l'azienda partner per le traduzioni dei menù di Dishcovery Studio Tre Spa di Reggio Emilia (nella foto Letizia Palladino, CEO di Studio Tre Spa con i Founder di Dishcovery), per un totale di 121.000€, l'azienda sta ampliando il proprio portafoglio di clienti.

Giuliano-e-Marco-con-Partner-Traduzioni-

Le novità non finiscono qui, infatti il 24 gennaio in occasione del convegno “La via digitale italiana per il futuro del turismo” dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano, ha vinto il premio come migliore travel start-up del 2018.

“Ora stiamo scalando in Italia, entro l’anno vogliamo arrivare a fare i primi test all’estero in almeno uno dei paesi limitrofi (Francia o Spagna). Progetti futuri in cantiere sono sicuramente di diversificarci dai competitor mantenendo una qualità di traduzione massima, che comunichi realmente il valore del piatto, degli ingredienti e della cultura enogastronomica del nostro paese, fornendo informazioni e dettagli agli ospiti stranieri. Inoltre vorremmo riuscire ad inserire all’interno dei nostri menù digitali la possibilità di ordinare direttamente dal tavolo e di pagare con i metodi di pagamento mobile più comuni. Altro sviluppo, stiamo già stringendo delle partnership per convogliare i turisti nei nostri ristoranti, con promo, coupon ed altri strumenti. In questo modo diventeremo anche uno strumento di comunicazione dei nostri ristoranti e non solo uno strumento accessibile quando si è già seduti al tavolo” ha dichiarato Marco Simonini in una recente intervista rilasciata su Esquire