/ news

I modelli di crowdfunding

Il Crowdfunding, dall'unione delle parole inglesi "crowd" (folla) e "funding" (finanziamento), è quel processo di raccolta di capitali tramite una piattaforma online.

Esistono quattro modelli di crowdfunding: donation, equity, reward e social lending, codificati - per la prima volta - da un rapporto di Massolution del 2012.

In generale i modelli equity-based, reward-based e social lending sono più conformi all'attività aziendale; mentre il donation-based si presta di più alle realtà no-profit. Per quanto attiene ai privati, invece, è loro preclusa la possibilità di ricorrere all'equity crowdfunding se non attraverso una società; al contrario ai modelli reward-based (soprattutto nella modalità di pre-selling) ed i prestiti peer-to-peer possono accedere anche le persone fisiche. Giova infine ricordare che l'International Organization of Securities Commissions (IOSCO) si riferisce ai modelli donation e reward con il termine "crowdsponsoring" e ai modelli equity e social lending con l'espressione "crowdinvesting".

L’Italia è stata il primo Paese Europeo a dotarsi di una normativa ad hoc che regolamenta l’equity crowdfunding.

Il crowdfunding rappresenta la fonte di finanziamento alternativo che ha avuto l'evoluzione maggiore negli ultimi anni. Con una campagna di crowdfunding un contributore, in cambio dell’apporto monetario, riceve diverse tipologie di ricompense che possono consistere in: ricompense emozionali, prodotti fisici, benefici riconducibili al senso d’appartenenza, quote aziendali o interessi maturati sul capitale investito.

Come detto, quattro modelli di Crowdfunding riconosciuti universalmente

Donation Based Crowdfunding

Il modello Donation è mosso dallo spirito sociale, di solidarietà o di puro mecenatismo. Chi sostiene un progetto non riceve in cambio un ritorno economico o una ricompensa di grande valore tangibile. L'interesse è legato alla partecipazione stessa alla causa che sta a cuore a chi contribuisce. A questo modello ricorrono soprattutto gli attori presenti nel terzo settore: le associazioni, individui singoli e organizzazioni no-profit che hanno nel bene sociale il loro fine ultimo. Si tratta quindi di una donazione vera e propria per il bene comune.

Lending Based Crowdfunding

Il modello Lendig è, tradotto letteralmente, basato sul prestito. Ne esistono due diversi tipi: "peer to peer" e "peer to business".
Il Peer2Peer è basato sull'intermediazione tra due soggetti privati che si scambiano capitali, al corrispettivo di interessi maturati, attraverso piattaforme specializzate.
Nel Peer2Business, invece, chi riceve i soldi è una persona giuridica (società di capitali o di persone) dai risparmiatori presenti sulle piattaforme per collezionare capitale di debito a tassi agevolati rispetto ai canali tradizionali di credito. Il lending crowdfunding, in Italia, è il modello che genera i maggiori flussi finanziari.

Reward Based Crowdfunding

Il modello Reward è basato sulle "ricompense". Questo significa che a fronte della somma versata dal contributore per sostenere il progetto viene erogata una ricompensa commisurata all'entità della contribuzione.Le ricompense non potranno mai essere corrisposte in denaro, buoni sconto o beni di natura finanziaria. Solitamente hanno un valore economico inferiore alla somma versata ma che viene compensato dall'alto valore simbolico per il contributore. La ricompensa è sempre esclusiva e molto emozionale. Ricorda che il "far parte" della realizzazione di un progetto che sta particolarmente a cuore è la più grande ricompensa che si possa avere.

Equity Based Crowdfunding

Il modello Equity è un'investimento on-line tramite il quale si acquista un vero e proprio titolo di partecipazione in una società: in tal caso, la “ricompensa” per il finanziamento è rappresentata dal complesso di diritti patrimoniali e amministrativi che derivano dalla partecipazione nell'impresa. La crescente difficoltà di accesso al credito da parte delle PMI, ha contribuito allo sviluppo di questo modello che risulta il più strutturato, soprattutto rispetto alle relazione intercorrenti tra gli attori. Possono attivare una campagna di Equity Crowdfunding quelle società non quotate, tramite portali riconosciuti da un organismo istituzionale di controllo che ne regola e regolamenta le operazioni. L'attività delle piattaforme, proprio perché rivolta ad un pubblico di potenziali investitori non necessariamente qualificati, assume i contorni della sollecitazione del pubblico risparmio e, dunque, si presta ad essere regolamentata nell'ambito MiFID.

crowdfunding---200crowd

200Crowd la piattaforma di Crowdfunding gestita Two Hundred è una società fintech italiana che ha l’obiettivo di favorire l’incontro tra aziende ed investitori è una piattaforma di Equity Crowdfunding dove si può quindi diventare socio di aziende ad alto potenziale di crescita grazie alle offerte presenti sul portale.